28/12/2016 12.27 in Eventi da Davide Fabbri
  Merano Wine Festival 2016... 25 anni di una delle più blasonate rassegne vinicole d'Italia

C’è moltissimo da dire su questa entusiasmante fiera, che di sicuro è cresciuta parecchio, tanto da sentirne parlare ovunque nel mondo sia da appassionati che da addetti ai lavori e quella che era inizialmente una piccola rassegna per pochi, si è ormai elevata a tempio dei grandi vini internazionali dalle mille sfaccettature. Ad oggi, il contesto del Merano Wine Festival, vuoi anche per la location immersa nelle splendide montagne altoatesine, vuoi per la moltitudine di importantissimi produttori mondiali, è ormai meta consacrata di grandi intenditori, addetti ai lavori e anche di chi per passione vuole approfondire argomenti difficilmente trattati in altre situazioni.

 

Merano Wine Festival

 

Molteplici gli eventi che anche quest’anno sono stati organizzati all’interno del festival, ne citerò solo alcuni di quelli seguiti: Come ogni anno il Merano Award che ha premiato i migliori 22 vini della rassegna con il bollino Platino e con la successiva degustazione Platinum.

 

Bolgheri Territorio unico: degustazione dedicata a questo territorio toscano con verticale di Messorio 2001 - 2004 – 2008 – 2010 – 2012 e in anteprima il 2013 cantina Le Macchiole con la presenza del grande enologo Luca Rettondini e Cinzia Merli. Una splendida realtà italiana da tempo consolidata.

 

Sangiovese e Sagrantino on stage: due grandi vitigni a confronto due storie e due territori: Montefalco e Montalcino. In degustazione: Le Chiuse Brunello di Montalcino DOCG 2010, Val di Cava Brunello di Montalcino DOCG 2010, Az.Ricci Brunello di Montalcino DOCG 2010 Riserva, Az.Tassi Brunello di Montalcino DOCG 2010, Cantine Romanelli Montefalco Sagrantino 2010, Giampaolo Tabarrini Montefalco Sagrantino Campo alla Cerqua 2010, Perticaia Montefalco Sagrantino 2010, Bocale Montefalco Sagrantino 2010.

 

Union des Grands Crus des Bordeaux, quando si parla di grandi qui si fa sul serio e questa associazione ha presentato 25 anteprime storiche dei più blasonati Château di questa superlativa area francese: Château Rahoul, Château Larrivet Haut – Brion, Domaine de Chevalier, Château La Tour Figeac, ChâteauLe Bon Pasteur, Château La Conseillante, Château La Croix de Gay, Château Gazin, Château Belgrave, Château La Lagune, Château Brane – Cantenac, Château Giscours, Château du Tertre, Château Gruand Larose, Château Langoa Barton, Château Léoville Barton, Château Léoville Poyferré, Château Lynch – Banges, Château Lafon – Rochet, Château Ormes De Pez, Château Phélan Segur, Château Bastor – Lamontagne, Château de Fargues, Château Guiraud.

 

 

Merano Wine Festival

 

 

Trento DOC il rosato di montagna delle Dolomiti in degustazione: Trentodoc Altemasi Rosè Brut – Altemasi, Trentodoc Abate Nero Rosè Abate Nero, Trentodoc San Micael Brut Rosè 2013 San Michael, Trentodoc Extrabrut Maso Martis Riserva Rosato 2012 Maso Martis, Trentodoc AlpeRegis Rosè 2011 Rotari, Trentodoc Pisoni Rosè Brut 2012 Pisoni F.lli, Trentodoc Tridentum Brut Rosè 2010 Cesarini Sforza, Trentodoc Ferrari Perlé Rosé 2010 Ferrari F.lli Lunelli, Trentodoc Revì Cavaliere Nero Riserva 2009 Revì.

 

L’espressione del Pinot Noir: Hofstätter con degustazione di Barthenau Vigna S.Urbano Pinot Nero 2012 – 2011 – 2009 – 2007 – 2002 – 1997 – 1990 – 1969. Espressione del territorio di un vitigno difficile come quello del Pinot Noir che questa cantina sa far esprimere, come dimostrato, ad alti livelli.

 

Bolgheri Storia di un territorio e di un uomo: Michele Satta degustazione di Piastraia 2002 – 2003 – 2004 – 2005 – 2006 – 2007. Non ci sono molte parole difronte a certi argomenti: emozioni.

 

Focus sulla Costa Toscana: Azienda Duemani con il grande enologo Luca D’Attoma in degustazione con Duemani Cabernet Franc 2004 – 2006 – 2010 – 2014 ; Suisassi Syrah 2004 – 2007 – 2010 – 2013. Sicuramente l’impronta di un professionista che del territorio ne ha fatto la tavolozza dei suoi colori e li ha espressi alla perfezione sulla tela in questi due grandi prodotti equilibrando alla perfezione le sensazioni del vitigno, del terroir e dell’evoluzione.

 

Merano Wine Festival 

 

Oltre a questa entusiasmante scelta di eventi all’interno dell’imponente sala Kurhaus, i banchi di degustazione dei vini d’Italia delle migliori cantine con grandi selezioni, anche di annate non più in commercio e percorrendo i corridoi contornati di banchetti ci si perdeva nelle sale, compresa quella dei vini internazionali dove si potevano degustare svariate tipologie di Champagne, Riesling e vini da tutto il mondo.

 

Durante le varie degustazioni non c’è mancato di visitare Elena Walch un etichetta da tempo tra le più prestigiose dell’Alto Adige e d’Italia. Come sempre ci hanno accolto in grandissimo stile facendoci degustare i loro migliori vini, dall’ormai famosissimo Beyond the Clouds, all’altrettanto famoso e superlativo Lagrein Riserva Castel Ringberg.

Siamo stati inoltre invitati da loro a un bellissima iniziativa organizzata dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino, Le donne del vino del Trentino Alto Adige per una cena a scopo benefico per i terremotati del centro Italia, che si terrà il 24/11/2016 presso i ristoranti: Kuppelrain, Via Stazione, 16 – 39020 Castelbello (BZ) tel. 0473624103, Moja Ristorante Caffetteria, via delle Zigherane, 1 38068 Rovereto (TN), Locanda 2 Camini, via del 26 Maggio, 65 – 38042 Baselga di Pinè (TN) tel.0541557200, Locanda Alpina P.zza Municipio, 23 – 38021 Brez (TN) tel.043874396; dove è possibile prenotare per la cena il cui ricavato sarà in parte devoluto in beneficenza per le popolazioni colpite dal terremoto.

 

Il vino al MWF viene visto a 360° gradi sotto ogni aspetto e tenuto al centro della rassegna in tutte e 5 le giornate, oltre che all’interno anche all’esterno infatti la città di Merano ruota attorno ad esso con eventi serali, degustazioni e rassegne tutte legate a questo fantastico mondo. Una rassegna da non farsi assolutamente mancare nell’elenco delle kermes vinicole al mondo.

 

In alto i calici e: "Gettiamo via gli affanni! Scorri vino in un fiume di schiuma in onore di Bacco, delle muse, della bellezza."

cit. Alexzndr Sergeevic Puskin